C. Filangeri, P. Gulotta, M. A. Spadaro, Palermo. Palazzo delle Aquile C. Filangeri, P. Gulotta, M. A. Spadaro, Palermo. Palazzo delle Aquile

 Nel 2004 individuai all'interno del Palazzo delle Aquile, sede del Municipio di Palermo, il Ritratto di Charlotte de France, mai prima evidenziato e studiato.

Venne pubblicato nel volume promosso dal Comune:

C. Filangeri, P. Gulotta, M. A. Spadaro, Palermo. Palazzo delle Aquile, Palermo 2004-2012, pp. 109-110

 

 

 

mariaantoniettaspadaro.onweb.it

 

Heinrich Friedrich Füger (Heilbronn 1751-Vienna 1818) attr.,

Marie-Thérèse Charlotte de France, 1796, olio su tela, cm. 138x98, inv. n. 642 Gam Palermo.    

 

Il dipinto ritrae Marie-Thérèse Charlotte (Versailles, l778 - Frohsdorf, Vienna, 1851) figlia primogenita dei sovrani di Francia, Luis XVI e Marie Antoinette Asburgo Lorena. Vediamo la giovane triste e vestita lutto, tenere in mano una pergamena col testamento del padre, mentre nei due canopi accanto sono i profili dei defunti genitori con le date di morte di entrambi (Luis XVI, 21 gennaio 1793, e Marie Antoinette, 16 ottobre 1793). Il quadro è stato presentato nel 2019 al pubblico al Palazzo delle Aquile alla presenza del Sindaco, Leoluca Orlando.

 

Charlotte, nata a Versailles, fu reclusa nella torre del Tempio a Parigi dal 1792 al 1795 e fu l’unica della famiglia a sopravvivere a malattie e alla Rivoluzione. Alla morte di Robespierre, conclusa la stagione del Terrore, la detenzione dell’orfana del tempio divenne impopolare nella stessa Francia, così fu deciso d’inviarla dagli Asgurgo a Vienna, patria della madre, dove nel 1796 fu realizzato questo ritratto da Heinrich Friedrich Füger, all’epoca pittore di corte, che aveva lavorato anche alla corte borbonica di Napoli per la regina Maria Carolina, sorella della madre di Charlotte. Carolina e Ferdinando di Borbone, fuggendo da Napoli, minacciata da moti rivoluzionari, giunsero nel 1798 a Palermo sulla nave dell’Ammiraglio Nelson, portando beni preziosi, tra cui di certo il ritratto della nipote molto caro alla regina. Da adulta Charlotte, che aveva sposato il cugino Luigi Antonio duca di Angouléme, figlio del futuro Carlo X, fratello del padre, visse esule in vari paesi sperando sempre di rifondare la monarchia in Francia. Per il suo coraggio e determinazione Napoleone la definì: l’unico uomo della sua famiglia. Charlotte, soprannominata Madame Royale, fu ritratta da illustri artisti, da piccola a Versailles da Élisabeth Vigée Le Brun, e poi da Jean Antoine Gros nel 1816 e Alexandre-François Caminade nel 1827. 

[Maria Antonietta Spadaro]

2019. Ambra Lauriano intenta al restauro del Ritratto (olio su tela, cm. 138x98, n. inv. 642 Gam) di Marie Thérèse Charlotte, figlia di Marie Antoinette e Louis XVI.

Presentazione restauro 2 agosto 2019 Presentazione restauro 2 agosto 2019

Il 2 agosto 2019 è stato presentato al pubblico, nella Sala delle Lapidi del Palazzo delle Aquile di Palermo, il Ritratto restaurato alla presenza del Sindaco, di Gabriella Filippone Renier, Presidente della Settimana delle Culture, Bernardo Tortorici di Raffadali, Presidente degli Amici dei Musei siciliani e Maria Antonietta Spadaro, la studiosa che con le sue ricerche ha evidenziato l'importanza di tale dipinto anche come documento storico.

L'articolo di M. A. Spadaro con l'intervista impossibile a Charlotte da France, Giornale di Sicilia dell'8 dicembre 2020.

 

 

 

Libro in inglese, del 2020 Libro in inglese, del 2020

M. A. Spadaro ha scritto anche: Portrait of Charlotte de France: from Naples to Sicily, a Collection in Transit, in Women and the Art and Science of Collecting in Eighteenth-Century EuropeBy Arlene Leis e Kacie L. Wills2020 by Routledge (New York and London), pp. 108-110, plate 5

 

Charlotte a Villa Niscemi, 2021 Charlotte a Villa Niscemi, 2021

Dopo essere stato per decenni conservato presso il Palazzo delle Aquile, sede del Municipio di Palermo, nel maggio 2021 il Ritratto di Charlotte ha avuto una sede più idonea per la sua esposizione.

 

Eccola Charlotte in una sede degna del suo rango! Dopo anni di studi e il restauro del 2019, oggi grazie al Sindaco di Palermo e ai dirigenti del Comune che hanno seguito le mie ricerche, Il Ritratto di Charlotte de France, figlia di Marie Antoinette e Luis XVI, dipinto a Vienna nel 1796 e giunto a Palermo attraverso la zia della giovane, Maria Carolina moglie di Ferdinando di Borbone, è stato accolto splendidamente a Villa Niscemi, sede di rappresentanza del Comune! Speriamo di organizzare appena possibile un evento per mostrarlo a tutti ...

2021 luglio: Il ritratto di Charlotte assiste alla consegna degli attestati da parte del Sindaco Orlando all'equipaggio siciliano dell'American Cup 2021 luglio: Il ritratto di Charlotte assiste alla consegna degli attestati da parte del Sindaco Orlando all'equipaggio siciliano dell'American Cup

Sono in corso studi da me condotti per stabilire con certezza l'autore del ritratto che, al momento, attribuisco per ragioni storiche e stilistiche a Heinrich Friedrich Füger (Heilbronn 1751-Vienna 1818).

 

https://palermo.repubblica.it/cronaca/2021/05/25/news/il_ritratto_di_charlotte_de_france_trasferito_a_villa_niscemi

 

Nell'ambito della manifestazione RESTART (www.restartpalermo.it) che prevede, dal 2 luglio al 28 agosto 2021, l'apertura al pubblico di siti storici di Palermo, è stato possibile accedere a Villa Niscemi per ammirare il ritratto con visita guidata da M. A. Spadaro.

Ecco le date: 16 e 31 luglio e 27 agosto; ore 18.00.    https://app.restartpalermo.it/?e=villa-niscemi-charlotte

E' in uscita il volume "Il Bello, l'Idea e la Forma" studi in onore di Maria Concetta Di Natale con il mio saggio "Il Ritratto di Charlotte de France conservato a Palermo".